La pandemia di COVID-19 sta costringendo i governi a indagare sui cittadini come mai prima d'ora. Un caso confermato COVID-19 può trasmettere il coronavirus a innumerevoli altre persone. Tracciare qualsiasi individuo che incontra il coronavirus mortale potrebbe aiutare a fermare un'ulteriore trasmissione, isolando la diffusione e potenzialmente aiutando con il sollevamento delle misure di blocco.

Come ci si potrebbe aspettare, c'è un'opposizione a un'app che traccia e abbina la propria posizione. Anche se ha un effetto positivo netto, rintracciare la tua posizione è una violazione della privacy?

Quindi, come funzionano le app di tracciamento dei contatti di COVID-19? E un'app di tracciamento dei contatti può proteggere la tua privacy?

Che cos'è un'app di tracciamento dei contatti COVID-19?

Un'app di tracciamento dei contatti COVID-19 è uno strumento che i governi e gli operatori sanitari possono utilizzare per tracciare i movimenti di un individuo che ha il coronavirus.

Un'app di tracciamento dei contatti acquisirà le posizioni visitate da una persona durante il tempo in cui si sospetta abbiano il coronavirus. Dopo aver stabilito un elenco di posizioni, l'app di tracciamento dei contatti può tracciare qualsiasi altro smartphone che si trovasse nelle vicinanze dell'individuo durante quel periodo.

Un'app può inviare automaticamente messaggi ai cittadini interessati, informare coloro che fanno parte di gruppi ad alto rischio per consultare un medico e altro ancora. Prima una persona sa di essere in contatto con qualcuno che trasporta COVID-19, più velocemente può iniziare a mediare il proprio comportamento, sia che si autoisoli o sia in cerca di cure.

Lo sviluppo di app di traccia dei contatti COVID-19 è, comprensibilmente, in overdrive. Esistono vari progetti in tutto il mondo che tentano di creare una soluzione di tracciamento dei contatti. La difficoltà sta nel bilanciare la necessità di individuare, rintracciare e informare, rispetto al vero problema di proteggere la privacy dell'individuo Reale privacy online per principianti: oltre 60 consigli e avvertenze essenzialiLa privacy online sta scomparendo sempre di più ogni anno. Ecco cosa puoi fare per proteggere il tuo senso di privacy online! Leggi di più .

Come funziona un'app di tracciamento dei contatti COVID-19?

Esistono più app di tracciamento dei contatti di coronavirus in fase di sviluppo. Al momento della stesura di questo documento, almeno 30 paesi stanno sviluppando o già implementando app di tracciamento dei contatti COVID-19. Le app utilizzano diversi approcci e framework di privacy diversi.

Esistono due approcci principali alla traccia dei contatti del coronavirus.

  • Traccia dei contatti centralizzata: Un approccio centralizzato alla traccia dei contatti COVID-19 utilizza la posizione di rete di uno smartphone, piuttosto che una singola app. L'approccio centralizzato elimina la necessità di scaricare un'app, riducendo il numero di cittadini che eviterebbero le app di tracciamento dei contatti. La centralizzazione della traccia dei contatti attraverso la posizione della rete crea tuttavia un problema di privacy significativo.
  • Traccia dei contatti decentralizzati / incentrati sulla privacy: Metodi di tracciamento dei contatti incentrati sulla privacy (noto anche come traccia dei contatti che preservano la privacy) esistono. Queste app utilizzano una gamma diversa di tecnologie smartphone per il monitoraggio e la traccia. Numerosi framework di tracciamento dei contatti incentrati sulla privacy utilizzano connessioni Bluetooth Low Energy (BLE) per approssimare la posizione di un utente e la vicinanza ad altri smartphone. Inoltre, Apple e Google stanno collaborando per sviluppare un progetto di tracciamento dei contatti (di seguito su questo argomento).

Non sono solo i sostenitori della privacy a esprimere le loro preoccupazioni riguardo alle app di tracciamento dei contatti di coronavirus. La scala di tracciamento dei contatti sta costringendo tutti a considerare come tali app proteggeranno la privacy degli utenti.

Inoltre, le opzioni decentralizzate e incentrate sulla privacy non sono senza colpa. Un'idea è stata sostenuta da centinaia di rispettati accademici, sostenitori della privacy e ricercatori sulla sicurezza. Tuttavia, una volta che il progetto ha pubblicato il suo progetto, molti hanno ottenuto il loro sostegno, citando una mancanza di controllo e che il progetto non avrebbe protetto la privacy come indicato per la prima volta.

In che modo un'app di tracciamento dei contatti può proteggere la privacy e rimanere efficace?

Questa è la domanda che ogni team di sviluppo del protocollo di tracciamento dei contatti sta cercando di risolvere. Al momento della stesura di questo documento, sono in fase di sviluppo cinque protocolli di tracciamento dei contatti (PPCT) che preservano la privacy. Tre protocolli PPCT stanno suscitando più interesse di altre opzioni, anche se non tutti per i giusti motivi.

Traccia di prossimità paneuropea per il rispetto della privacy (PEPP-PT)

PEPP-PT è stata una delle prime app di tracciamento dei contatti a tutela della privacy a iniziare a guadagnare velocità di sviluppo.

PEPP-PT utilizza BLE per tracciare e registrare gli utenti nelle immediate vicinanze di un utente. Il protocollo invia quindi i dati a un server centralizzato per l'elaborazione dei contatti, dove vengono contattati gli utenti potenzialmente infetti. Se un utente è un caso confermato di coronavirus, riceve una richiesta di caricamento del registro dei contatti per l'analisi.

Sebbene PEPP-PT rivendichi forti credenziali sulla privacy, il progetto ha ricevuto critiche in merito alla trasparenza sulla funzionalità del protocollo, nonché sul motivo per cui PEPP-PT non ha rilasciato alcun codice open source per scrutinio.

Mi sto dissociando personalmente da PEPP-PT. Anche se credo fermamente nelle idee fondamentali (internazionale, tutela della privacy), non posso sostenere qualcosa che non so che cosa rappresenta. Al momento, PEPP-PT non è abbastanza aperto e non è abbastanza trasparente. 1/3

- Marcel Salathé (@marcelsalathe) 17 aprile 2020

Quando PEPP-PT ha pubblicato dettagli approfonditi sul funzionamento del protocollo, incluso l'uso di server centralizzati, i ricercatori e gli accademici associati al progetto hanno iniziato a cambiare supporto al progetto DP-3T (vedi sotto). Oltre 300 accademici e ricercatori hanno rimosso il loro supporto dal progetto il 20 aprile 2020.

"In caso contrario, tali app possono essere riproposte per consentire discriminazioni e sorveglianza ingiustificate" disse una lettera comune firmato da accademici in oltre 26 paesi. “È fondamentale che i cittadini si fidino delle domande per produrre un assorbimento sufficiente a fare la differenza nell'affrontare la crisi. È fondamentale che, per uscire dall'attuale crisi, non creiamo uno strumento che consenta la raccolta di dati su larga scala sulla popolazione, né adesso né in un momento successivo. "

Traccia di prossimità decentralizzata per il rispetto della privacy (DP-3T)

Traccia di prossimità decentralizzata per il rispetto della privacy è un progetto di tracciamento dei contatti open source che utilizza BLE per tracciare e registrare gli utenti. Come PEPP-PT, le informazioni di contatto e posizione vengono caricate su un server.

Tuttavia, DP-3T utilizza un "ID effimero e pseudo-casuale" per rappresentare l'utente. Utilizza inoltre lo stesso ID pseudo-casuale per documentare qualsiasi interazione con un altro utente. L'app DP-3T trasmette l'ID casuale temporaneo ad altri smartphone. Tutti gli smartphone nelle stesse vicinanze ricevono anche un ID casuale temporaneo.

Se l'utente diventa un paziente COVID-19, può caricare i dati sulla posizione dell'app locale. Gli utenti rimangono anonimi attraverso l'ID pseudo-casuale. L'app rileva il potenziale contatto con altri utenti e invia un messaggio di conseguenza (utilizzando anche l'ID pseudo-casuale degli altri utenti).

Sebbene il protocollo DP-3T utilizzi ancora un server centrale, ha diverse funzionalità integrate di protezione della privacy. Ad esempio, l'app non condivide informazioni con alcun servizio sanitario fino a quando l'utente non carica i propri dati sulla posizione. Ciò impedisce l'abuso di dati personali in quanto nessuna singola entità riceve una tranche di dati, in particolare i dati non destinati a un'organizzazione specifica o altro.

Il server stesso non può scoprire un'identità individuale sulla rete, perché ogni utente mantiene i propri dati locali fino al punto di caricamento.

Infine, il progetto DP-3T ha confermato che smantellerà l'app al termine della pandemia di COVID-19. È importante sottolineare che "eventuali dati sul server vengono rimossi dopo 14 giorni".

Nelle ultime 24 ore il sistema sanitario austriaco e il sistema sanitario svizzero lo hanno entrambi annunciato # DP3T sarà la loro applicazione di tracciamento dei contatti Bluetooth nazionale.
?? https://t.co/V24hk14WfI
??https://t.co/DTuSXVpKaa

- Michael Veale (@mikarv) 22 aprile 2020

Diversi paesi stanno implementando app di tracciamento dei contatti DP-3T per aiutare a fermare la diffusione di COVID-19.

Progetto PPCT Google / Apple

Google e Apple stanno lavorando a un'app di tracciamento dei contatti di coronavirus che utilizzerebbe i loro sistemi operativi per smartphone (Android e iOS, rispettivamente). Mentre le due società controllano il mercato dei sistemi operativi per smartphone, i giganti della tecnologia occupano un posto unico nella battaglia contro COVID-19.

Il progetto PPCT "Gapple" utilizza un sistema simile a DP-3T, utilizzando le interazioni BLE per tracciare gli utenti. Il registro utilizza identificatori randomizzati per proteggere la privacy di tutte le parti. Gli identificatori cambiano ogni 15 minuti per anonimizzare ulteriormente i dati.

I dati sono conservati localmente per 14 giorni. Se l'utente non riceve un messaggio di traccia dei contatti durante quel periodo, l'app elimina i dati, inclusi eventuali identificatori.

Problemi con l'utilizzo di Bluetooth Low Energy per la traccia dei contatti COVID-19

Come hai visto, ogni soluzione propone di utilizzare Bluetooth Low Energy per le app di tracciamento dei contatti di coronavirus.

Bluetooth e il suo successore, Bluetooth Low Energy, sono onnipresenti in quasi tutti i paesi del mondo. Tuttavia, circa 2 miliardi di telefoni cellulari in tutto il mondo non usano BLE. Altri 1,5 miliardi utilizzano telefoni legacy che non utilizzano un moderno sistema operativo mobile.

Ad aggravare il problema è il fatto che la maggior parte delle persone in quella fascia sono più vulnerabili a COVID-19, a causa dell'età, della posizione o del reddito demografico.

Un altro problema di BLE è la tecnologia stessa. Bluetooth Low Energy può trasmettere su distanze da 10 a 30 metri, a seconda del dispositivo. Il consiglio di distanza sociale comunemente accettato è di rimanere a 2 metri l'uno dall'altro. Ma se il tuo telefono è in grado di eseguire il ping di qualcuno fino a 30 metri di distanza, ci saranno falsi positivi.

A causa del modo in cui funzionano le app di tracciamento dei contatti, un singolo falso positivo potrebbe causare una cascata di messaggi falsi positivi attraverso le presunte connessioni di quell'utente.

Inoltre, la copertura è la chiave dell'efficacia di qualsiasi app di traccia dei contatti che preservi la privacy, BLE o meno.

Nel Regno Unito, ricercatori dell'Università di Oxford stima che almeno l'80% della popolazione proprietaria di smartphone deve installare l'app di tracciamento dei contatti per raggiungere un livello ragionevole di copertura. Il dato equivale a circa il 56 percento della popolazione del Regno Unito.

Il che porta a un altro problema. Se qualcuno non desidera utilizzare un'app di tracciamento dei contatti COVID-19, non lo scaricherà semplicemente. Un sistema simile sviluppato a Singapore ha avuto un assorbimento di appena il 12 percento. Non è abbastanza per creare un efficace sistema di tracciamento dei contatti.

Contact Tracing aiuterà a fermare COVID-19?

Esistono problemi relativi all'implementazione delle app di tracciamento dei contatti di coronavirus. Tuttavia, si sta costruendo un lento consenso, riconoscendo che una qualche forma di gestione del distanziamento sociale dovrà essere in atto per tornare alla "vita reale".

L'onere è quello di creare app di tracciamento dei contatti che proteggano la privacy degli utenti. Come prevedibile, se si verifica un singhiozzo con un'app di tracciamento dei contatti, è possibile esporre i dati degli utenti privati.

Ad esempio, un'iterazione anticipata di un'app di tracciamento dei contatti in Corea del Sud ha trasmesso i dati personali dei casi di coronavirus avvisando coloro che potrebbero essere entrati in contatto. Gli sviluppatori hanno rapidamente corretto il difetto dall'app di tracciamento dei contatti. Tuttavia, quelle paure che circondano la privacy rimangono forti, specialmente nei paesi che devono ancora iniziare test di tracciamento dei contatti diffusi.

Negli Stati Uniti, c'è una forte indifferenza verso le app di tracciamento dei contatti di COVID-19, con molti intervistati di recente Studio di ricerca Pew indicando poca fiducia nel sistema.

pew ricerca noi cittadini diffidiamo del tracciamento dei contatti

Il delicato equilibrio tra tutela della privacy e lavoro per proteggere la salute pubblica è irto di potenziali insidie. In Israele, il governo propone di utilizzare le leggi antiterrorismo per istigare il monitoraggio a livello di rete di tutti i dispositivi. È oltre il pallido e un livello di intrusione che la maggior parte dei cittadini non accetteranno mai.

Ma se ciò significa che la società e l'economia possono iniziare a funzionare normalmente, è inevitabile una qualche forma di tracciamento dei contatti, almeno a breve termine.

Coronavirus Contact Tracing distruggerà la privacy?

L'idea di supportare un altro metodo di tracciamento dello smartphone va contro il nostro desiderio intrinseco di privacy. Nel podcast di Joe Rogan Experience, Edward Snowden spiega dettagliatamente come il tuo smartphone sia già lo strumento di monitoraggio numero uno al mondo.

Una serie di protocolli che estendono il tracciamento a tutti i telefoni nelle vicinanze è un altro passo di sorveglianza.

D'altra parte, COVID-19 sta colpendo milioni di persone in tutto il mondo. L'implementazione di DP-3T archivia i dati localmente per impedire a qualsiasi altra parte di interagire con le informazioni sulla posizione fino a quando non si rileva il coronavirus.

Se il governo volesse seguirti, lo farebbero già. Un'app che potrebbe salvare vite umane è uno sforzo utile a breve termine, soprattutto perché molti paesi iniziano a allentare le norme di blocco e iniziano a chiedersi cosa un 2ND Il picco di COVID-19 potrebbe comportare.

Parte della difficoltà che devono affrontare gli operatori sanitari è la disinformazione su COVID-19. Dai un'occhiata a questi siti per notizie aggiornate affidabili sul coronavirus Coronavirus COVID-19: 15 siti affidabili per informazioni affidabiliNon cadere per le notizie false sulla pandemia di coronavirus. Ecco le fonti di notizie affidabili e affidabili a cui devi andare. Leggi di più . Un altro problema che tutti devono affrontare è l'ondata di attacchi di phishing correlati al coronavirus. Ecco come individuare un tentativo di phishing COVID-19 Come individuare ed evitare le truffe di phishing pandemico COVID-19I truffatori online stanno sfruttando il coronavirus, prendendo di mira i vulnerabili. Scopri come individuare ed evitare le truffe di phishing COVID-19. Leggi di più e come stare al sicuro.

Gavin è Senior Writer per MUO. È anche redattore e responsabile SEO del sito gemello focalizzato sulla crittografia di MakeUseOf, Blocks Decoded. Ha una BA (Hons) Contemporary Writing with Digital Art Practices saccheggiata dalle colline del Devon, oltre a oltre un decennio di esperienza professionale nella scrittura. Gli piace abbondanti quantità di tè.