Frances Haugen, l'informatore di Facebook dietro il rapporto bomba del Wall Street Journal noto collettivamente come I file di Facebook, ha rivelato la sua identità in un'intervista a 60 Minutes di CBS News.

Continua a leggere per saperne di più su Haugen e alcune delle affermazioni che ha fatto contro il social network e il gigante della tecnologia nell'intervista.

Chi è l'informatore di Facebook?

L'informatore di Facebook è una donna di nome Frances Haugen, 37 anni. È un ex product manager del team di Integrità civica di Facebook.

Haugen ha presentato denunce alle forze dell'ordine federali contro il suo ex datore di lavoro, sostenendo che Facebook's la ricerca mostra che la piattaforma amplifica l'odio, la disinformazione e i disordini politici, anche se l'azienda si nasconde Quello.

Haugen è uno scienziato dei dati dell'Iowa e ha una laurea in Ingegneria Informatica e un Master in Business ad Harvard. Ha 15 anni di esperienza lavorando per grandi aziende tecnologiche come Google e Pinterest.

view instagram anonymous

Ecco alcune delle più grandi affermazioni fatte da Haugen nella sua recente intervista di 60 minuti:

5 affermazioni fatte da Frances Haugen in 60 minuti

1. L'algoritmo di Facebook mostra contenuti odiosi e divisivi

Haugen afferma che di tutte le opzioni di contenuto che Facebook può mostrarti, l'algoritmo ti mostra il contenuto che è il più suscettibili di ottenere una particolare reazione da parte tua, contenuti che possono incitare alla violenza o altre reazioni estreme o emozioni.

Una delle conseguenze del modo in cui Facebook sta selezionando quel contenuto oggi è che è: l'ottimizzazione per i contenuti che ottengono coinvolgimento o reazione. Ma la sua stessa ricerca sta mostrando che il contenuto che è odioso, che divide, che è polarizzante, è più facile ispirare le persone alla rabbia che ad altre emozioni.

Imparentato: Come disattivare i feed algoritmici su Twitter, Instagram e Facebook

2. Facebook trae profitto dal mostrarti contenuti odiosi e divisivi

Haugen afferma che più si consumano contenuti che evocano rabbia o incitano alla violenza, più è redditizio per Facebook.

Facebook guadagna di più quando si consumano più contenuti. Alle persone piace interagire con cose che suscitano una reazione emotiva. E più rabbia a cui vengono esposti, più interagiscono e più consumano.

3. Facebook sceglie il profitto sulla sicurezza

Haugen afferma che Facebook commercia continuamente nella sicurezza degli utenti per il proprio guadagno consentendo contenuti pericolosi sulla sua piattaforma.

Facebook ha dimostrato di non poter agire in modo indipendente, Facebook, più e più volte, ha dimostrato di preferire il profitto alla sicurezza. Sta sovvenzionando, sta pagando i suoi profitti con la nostra sicurezza.

4. Facebook ti sta mentendo sulla sua lotta contro l'odio, la violenza e la disinformazione

Haugen afferma che Facebook ha attivato i sistemi di sicurezza per ridurre la disinformazione intorno alle elezioni del 2020, ma che molte di queste misure erano temporanee.

Non appena le elezioni sono finite, le hanno disattivate o hanno riportato le impostazioni a quelle che erano prima, per dare priorità alla crescita rispetto alla sicurezza.

Imparentato: Lo studio suggerisce che Facebook ha gestito male la disinformazione elettorale

5. Instagram sta danneggiando le ragazze adolescenti

Come già ampiamente riportato, Haugen afferma che Instagram sta avendo un impatto negativo sugli adolescenti che utilizzano l'app dei social media.

La ricerca di Facebook dice che, quando queste giovani donne iniziano a consumare questo-- questo contenuto sui disturbi alimentari, diventano sempre più depresse. E in realtà li fa usare di più l'app. E così, finiscono in questo ciclo di feedback in cui odiano sempre di più i loro corpi. La stessa ricerca di Facebook dice che non è solo Instagram ad essere pericoloso per gli adolescenti, che danneggia gli adolescenti, è che è nettamente peggiore di altre forme di social media.

Qual è la strada da seguire per Facebook?

Haugen ha fatto alcune affermazioni audaci sul modo in cui opera Facebook e i suoi avvocati hanno presentato diverse denunce con la Securities and Exchange Commission, che applica la legge in materia finanziaria mercati.

Nel frattempo, Facebook ha, ovviamente, rilasciato una dichiarazione che nega le affermazioni fatte da Haugen, affermando di aver investito in modo significativo nel mantenere sicura la sua piattaforma. Ma questo potrebbe ancora rivelarsi un momento spartiacque, con Facebook costretto a tenersi maggiormente in conto.

CondividereTweetE-mail
Che cos'è Facebook Lite e può sostituire Facebook?

Cos'è Facebook Lite? Ecco tutto quello che c'è da sapere su cos'è Facebook Lite e in cosa differisce dall'app Facebook standard.

Leggi Avanti

Argomenti correlati
  • Social media
  • Facebook
Circa l'autore
Aya Masango (61 Articoli Pubblicati)

Aya è una scrittrice freelance con una passione per i marchi, il marketing e la vita in generale. Quando non scrive a macchina, si tiene al passo con le ultime notizie, riflette sull'essenza della vita e pensa a nuove opportunità di lavoro. Più produttivo quando si lavora a letto.

Altro da Aya Masango

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per suggerimenti tecnici, recensioni, ebook gratuiti e offerte esclusive!

Clicca qui per iscriverti